Trattamento a fasi nella EMI Therapy

Per lungo tempo la pratica clinica ha utilizzato un modello a tre fasi per il trattamento del trauma e dei disturbi dissociativi.

Lo sviluppo di questo modello trifasico, risale a Janet (1919/1925). esso rappresenta un metodo standard di cura in ragione della sua efficacia con pazienti traumatizzati e con un disturbo dissociativo ” in particolare con i soggetti affetti da DID” .

Esso è anche stato approvato dalle International Society for the Study of Dissociation (ISSD, 2005). Da Janet ad oggi ci sono state ulteriori integrazioni ed interpretazioni del modello originale, ad esempio Herman (1992) afferma che il compito della prima fase è quello si stabilire la sicurezza; la seconda fase affronta il ricordo e il lutto mentre, la terza fase ha il compito di riconnettere il paziente con la vita. Un ulteriore integrazione di questo è il SARI model di Frederick e Phillips (1995, 2000). Altri modelli di trattamento come l’EMDR, Somatic Experience ed Ego State Therapy, contengono in sé il trattamento a fasi, precedentemente descritto.

Nella EMI Therapy, pur avendo molti punti in comune con l’EMDR, abbiamo preferito mantenere l’originalità del trattamento a fasi descritto da Frederick e Phillips (1995,2000), qui di seguito elencate:

  • Stabilizzazione
  • Accesso e Attivazione delle risorse
  • Risoluzione dei sintomi e Rinegoziazione
  • Integrazione e nuova identità

Clicca qui per scaricare l’infografica